IBRIDI NELLE TARTARUGHE TERRESTRI "NOSTRANE"

 

 

Gli approcci sessuali tra specie diverse, che capita spesso di osservare in cattività a causa della forzata convivenza tra specie diverse si verificano a volte anche in natura, là dove diverse specie condividono gli stessi ambienti: questa promiscuità è spesso dovuta ai molti abbandoni perpetrati in natura sia in epoche passate sia recentemente. In Sardegna, dove sono presenti tutte le specie europee a seguito di immissioni storiche risalenti ad epoche passate, ci è capitato di osservare un maschio di T. graeca intento nel corteggiamento di una grande femmina di T. hermanni (foto sopra). Tuttavia, anche sulla penisola, dove, fino all’inizio del secolo scorso, l’unica specie presente era la T. hermanni, a seguito di abbandoni e rilasci sconsiderati perpetrati per varie ragioni anche a seguito della legge che nel 1994 ne vietava la detenzione, è oggi possibile che questa condivida il suo habitat con altre specie naturalizzate, come T. greca ibera o T. marginata. Anche autorevoli testi scientifici documentano approcci sessuali tra le diverse specie, ma seppure la confusione sull'argomento regna sovrana, non tutti questi accoppiamenti sembra possono portare alla produzione di prole:

  1. Testudo hermanni hermanni + Testudo hermanni boetgeri = prole fertile (a volte questi esemplari sono particolarmente deboli e presentano numerose scaglie anomale). Foto di probabili ibridi disponibili su: tortues-terrestres.forumactif.com;
  2. Testudo hermanni + Testudo horsfieldii= prole probabilmente non fertile;
  3. Testudo hermanni + Testudo graeca = ibridazione improbabile: generalemente esemplari frutto di ibridazione tra queste due specie non hanno superato lo stadio embrionale, ma sembra sopravviva al Centro Carapax un esemplare di cui si è dimostrata geneticamente l'appartenenza alle due specie: foto disponibili su tortues-actions.naturalforum.net e tortues-terrestres.forumactif.com;
  4. Testudo hermanni + Testudo marginata = ibridazione improbabile: foto di probabili ibridi disponibili su: tortues-terrestres.forumactif.com
  5. Testudo greca ibera + Testudo marginata = ibridazione molto frequente che produce prole probabilmente fertile;

Per quanto sopra è evidente che il rischio contaminazione più pericoloso per la nostra specie italiana sulla penisola è quello tra le sottospecie di T. hermanni, mentre la condivisione dei medesimi habitat da parte della specie autoctona con esemplari di altre specie alloctone in libertà è da evitare per il rischio contagio malattie infettive, ma non dovrebbe provocare contaminazione genetica. In Sardegna, dove le diverse specie convivono da tempo immemore i medesimi habitat, il discorso cambia; infatti, la convivenza è inevitabile e a volte ci ritrova in presenza di popolazioni che per l’effetto insularità e probabilmente per ibridazioni avvenute già in epoche remote presentano caratteristiche morfologiche peculiari e apparentemente intermedie tra specie.

Tuttavia, sia in cattività sia in natura la produzione di individui ibridi è assolutamente da evitare; infatti, oltre alla contaminazione genetica molto grave già di per sé, spesso questi incroci producono individui deboli con molte scaglie anomale e a volte con gravi deformità.

Date il vostro contributo alla conoscenza di questi animali inviandoci delle segnalazioni o i resoconti di esperienze personali in merito ad ibridazioni tra le specie sopra citate.

FOTO ESEMPLARI IBRIDI

GLI IBRIDI DI VALENTINA

Testudo graeca ibera x Testudo marginata:
si tratta di incroci accidentali tra maschio di Testudo graeca e femmina di Testudo marginata. I piccoli sono molto vigorosi e crescono più rapidamente dei fratelli puri di Tm. Alla base della coda sono presenti i tubercoli cornei e nonostante l'aspetto molto simile a Tm gli esemplari ibridi si riconoscono da quelli puri per l'assenza dei triangoli scuri sul piastrone tipici di Tm: esso si presenta completamente chiaro e solo andando avanti con l'età si evidenziano delle macchie più scure (foto Valentina Licheri, 2007).

 

Testudo graeca ibera x Testudo graeca graeca: si tratta di incroci accidentali tra maschio di Testudo graeca ibera e femmina di Testudo graeca graeca (foto Valentina Licheri, 2007).

 

INDIETRO

 

STORIE DI SALVAGUARDIA

INCUBATRICE FAI DA TE

TERRARIO IN CASA

TERRARIO IN BALCONE

CACTUS

LAGHETTO IN GIARDINO

RECINTO IN GIARDINO

TARTARUGHE SCATOLA

TARTARUGHE A DUE TESTE

ALBINISMO

NASCITE GEMELLARI

SCAGLIE ANOMALE

TARTA NEWS

TARTA SPOT

IBRIDI

NOTE EDITORIALI - TARTOOMBRIA: IL SITO DI RIFERIMENTO PER I "TARTAMANTI" UMBRI - FOLIGNO (PG) - INFO@TARTOOMBRIA.ORG