FRANCIA

In Francia troviamo in natura sia le Emys orbicularis che le Testudo hermanni hermanni. Queste ultime appartengono alla sottospecie hermanni, ma le popolazioni francesi continentali massiccio dei Maures (Var) e massiccio degli Albères (Pirenei orientali - probabilmente estinta in natura è tutelata da un centro di conservazione in Spagna) si distinguono dalla varietà Corsa in quanto derivanti da gruppi originari distinti. Per la descrizione di queste due varità rimandiamo alle rispettive sezioni ad esse dedicate: Testudo h. hermanni 'varoise' e Testudo h. hermanni 'corse'.

Molto interessanti a tal proposito sono: l'articolo "Playdoyer pour la séparation des E.Hermanni en 2 sous-espèces" (article de Biodiversité, Administrateur du forum http://tortues-terrestres.forumactif.com) apparso sul n° 4 della rivista on-line La Gazette des Tortues, e la pagina web www.cheloniophilie.com/Fiches/Hermanni_Sous_Especes.

TESTUDO HERMANNI hermanni "varoise" (Gmelin, 1789)

TESTUDO HERMANNI hermanni "corse" (Gmelin, 1789)

EMYS ORBICULARIS galloitalica (Fritz, 1995)

HABITAT: diffusa nelle regioni del mezzogiorno francese e in corsica, la specie occupa bacini e corsi d'acqua sia naturali che artificiali;

DIMENSIONI MAX MASCHIO: quelle tipiche della specie, non disponiamo attualmente di osservazioni specifiche sulle popolazioni regionali;
DIMENSIONI MAX FEMMINA: quelle tipiche della specie, non disponiamo attualmente di osservazioni specifiche sulle popolazioni regionali;

CARAPACE: non disponiamo attualmente di osservazioni specifiche sulle popolazioni regionali;
PIASTRONE: non disponiamo attualmente di osservazioni specifiche sulle popolazioni regionali;
CUTE: non disponiamo attualmente di osservazioni specifiche sulle popolazioni regionali;

STATUS e VULNERABILITA':
la specie è presente con più popolazioni consistenti in diversi siti regionali dove è in grado di riprodursi.

 

Oggi in europa tutte le tartarughe sono studiate e monitorate; questo implica che su molti esemplari selvatici vengono applicati dei microchip sottocutanei o delle trasmittenti satellitari al duplice scopo di rilevamento degli spostamenti e di salvaguardia. Questa pratica ha scoraggiato molto il bracconaggio in quanto, pur non essendo esteticamente visibili, questi dispositivi rendono gli esemplari selvatici riconoscibili e rintracciabili. Inoltre, oggi, una complessa legislazione comunitaria, nazionale e regionale prevede l'arresto e il pagamento di multe salatissime in caso di cattura di questi rettili altamente protetti.

INDIETRO

 

EMYS ORBICULARIS

TESTUDO H. HERMANNI VARIETA' VAROISE

TESTUDO H. HERMANNI VARIETA' CORSE

NOTE EDITORIALI - TARTOOMBRIA: IL SITO DI RIFERIMENTO PER I "TARTAMANTI" UMBRI - FOLIGNO (PG) - INFO@TARTOOMBRIA.ORG