ABRUZZO

In questa regione sono presenti sia la tartaruga palustre europea Emys orbicularis sia la tartaruga comune Testudo hermanni hermanni. In entrambi i casi si tratta di popolazioni autoctone che sopravvivono i alcune aree della regione soffrendo molto della frammentazione degli habitat.

TESTUDO HERMANNI hermanni (Gmelin, 1789)

HABITAT: zona fluviale litoranea dominata da macchia mediterranea;


DIMENSIONI MAX MASCHIO: non disponiamo attualmente di osservazioni specifiche sulle popolazioni regionali;
DIMENSIONI MAX FEMMINA: non disponiamo attualmente di osservazioni specifiche sulle popolazioni regionali;

CARAPACE: non disponiamo attualmente di osservazioni specifiche sulle popolazioni regionali;
PIASTRONE: non disponiamo attualmente di osservazioni specifiche sulle popolazioni regionali;
CUTE: non disponiamo attualmente di osservazioni specifiche sulle popolazioni regionali;

STATUS e VULNERABILITA': la specie si riproduce regolarmente in almeno uno dei siti noti.

EMYS ORBICULARIS hellenica (Valenciennes, 1832)

HABITAT: reti fluviali prevalentemente litoranee, ma anche torrenti interni, e bacini o canali artificiali;

DIMENSIONI MAX MASCHIO: non disponiamo attualmente di osservazioni specifiche sulle popolazioni regionali;
DIMENSIONI MAX FEMMINA: non disponiamo attualmente di osservazioni specifiche sulle popolazioni regionali;

CARAPACE: non disponiamo attualmente di osservazioni specifiche sulle popolazioni regionali;
PIASTRONE: non disponiamo attualmente di osservazioni specifiche sulle popolazioni regionali;
CUTE: non disponiamo attualmente di osservazioni specifiche sulle popolazioni regionali;

STATUS e VULNERABILITA': la specie è presente con più popolazioni consistenti in diversi siti regionali dove è in grado di riprodursi regolarmente.

Oggi in europa tutte le tartarughe sono studiate e monitorate; questo implica che su molti esemplari selvatici vengono applicati dei microchip sottocutanei o delle trasmittenti satellitari al duplice scopo di rilevamento degli spostamenti e di salvaguardia. Questa pratica ha scoraggiato molto il bracconaggio in quanto, pur non essendo esteticamente visibili, questi dispositivi rendono gli esemplari selvatici riconoscibili e rintracciabili. Inoltre, oggi, una complessa legislazione comunitaria, nazionale e regionale prevede l'arresto e il pagamento di multe salatissime in caso di cattura di questi rettili altamente protetti.

INDIETRO

NOTE EDITORIALI - TARTOOMBRIA: IL SITO DI RIFERIMENTO PER I "TARTAMANTI" UMBRI - FOLIGNO (PG) - INFO@TARTOOMBRIA.ORG