TARTITALY… il Blog fotografico di Tartoombria

Sito di allevamento, esperienza, accoglienza e ricerca dedicato alle tartarughe

Nascita tardiva

by Aline - novembre 2nd, 2011.
Filed under: Riproduzione.

Oggi mi é nata l’ultima piccola Testudo graeca marokkensis dell’anno. Alla fine di settembre aveva uscito di terra tre uova di Aïcha perché pensavo che non potrebberono schiudere fuori e li avevo messi nell’incubatrice.

Domenica una era schiusa, poi un’altra ieri e l’ultima oggi. Le due prime sono gia fuori ma in una piccola serra, perché faceva caldo fino ad oggi che piove e dunque non le ho ancora fottografate ma ha fatto delle foto di quella di oggi, é carina con le sue scaglie anomali . Eccola :

10 Responses to Nascita tardiva

  1. Che carina Aline,
    quanti piccoli ha avuto questa stagione la bella Aicha? E quante uova ha deposto?

    Le scaglie anomale arrivano con frequenza?

  2. Aïcha quest’estate ha deposto una prima volta il 16 maggio 7 uova, poi il 7 giugno 6, e il 24 giugno 3.
    Il 16 maggio avevo trovato un uovo sulla terra che avevo messo sulla mia caldaia e che era nato il 15 agosto.

    Le uova del 7 giugno le ho dati ad un amico alla fine d’Agosto e 5 sono schiusi la settimana scorsa, e infine i tre del 24 giugno sono nati questi giorni.
    Riguardo alle uova del 16 maggio sicome non erano schiusi dieci giorni fa ho deciso di cercare dove avevo trovato l’uovo sulla terra, non sapendo esatamente dove fossero e finalmente le ho trovati, erano tutti fecondi con un piccolo quasi finito dentro ma morto. Aïcha le aveva deposti su una zolla di terra esposta al nord e é certamente perché non hanno potuto incubare normalemente e sono morti. Se no sarebbero nati in tutto 15 piccoli !
    Per le scaglie anomali era gia successo un o due volte sempre per uova lasciati in terra nel recinto.

  3. Grazie Aline,
    peccato che Clara non deponga, ma Aicha produce piccoli anche per lei.

    Complimenti alla mamma!

  4. Trovo interessante il discorso delle scaglie anomale dalle uova incubate a terra, anche le mie piccole con la treccia vertebrale sono sempre nate da incubazione artificiale, anche se quest’anno per la prima volta ne è nata una in incubatrice.

    Tuttavia, nel mio caso sono convinto si tratti di un fattore ereditario in linea di padre: uno dei miei maschi ha la vertebrale centrale divisa in due e le figlie con le trecce sono tutte sue, anche se le mamme cambiano.

  5. A proposito di questo discorso Lorenzo, come sai io ho abitualmente nascite sul terreno (eccetto che nel 2008 in cui le ho incubate) e ho sempre almeno una treccina all’anno. Quest’anno addirittura due e perfette!!! Mi capita solo con le marginata, nelle graeca ed hermanni solo qualche rara scaglia anomala, nulla di più. Il maschio dominante marginata ha effettivamente delle scaglie anomale, comprese le vertebrali. Sarebbe interessante capirci qualcosa di più.

  6. Devo ammettere che a me le treccine piacciono, ma se così è il discorso non so cosa possa combinare Mao il mio maschio margi adulto con tante anomalie, ammesso che la femmina si decida a deporre!

    Fortunatamente per le giovani femmine ho anche qualche maschio perfettino che conosci bene Vale!

  7. Aline,
    come pensi di gestire il letargo per queste nascite tardive?

  8. Ecco il padre delle mie “treccine” http://www.tartoombria.org/blog/2011/11/05/giganti-e-pigmei/

  9. Lorenzo,

    Per queste nascite tardive le lascio fare il letargo fuori nella loro piccola serra. Ogni anno le piccole graeca marokkensis nascono tardi, generalmente, in Ottobre, quest’anno le ultime tre sono nate in Novembre ma dato che le temperature sono alte, secondo me non c’é nessula differena con gli anni precedenti.
    Pero spero che la pioggia che abbiamo dall’inizio di questa settimana va finire e che il sole tornera affinché queste piccole possano prendere un po il caldo. Inoltre le piccole graeca marokkensis fanno il loro letargo molto tardi e spesso escono ancora in dicembre.
    Riguardo ai tuoi maschi sono effettivamente molto differenti, il padre delle tue “treccine” ha veramente le scaglie piuttosto “capricciose” ed é molto chiaro e piccolo. Sono stupita che un maschio cosi piccolo possa riprodursi ! L’altro maschio é piu scuro e di peso piu normale.
    Per le scaglie anomali, da me, non hanno apparentemente niente da vedere con i genitori perché nessuna delle mie tartarghe adullte hanno scaglie anomali e pero certi piccoli ne hanno. Mi pareve che fosse piuttosto dovuto alle condizioni d’incubazione : caldo e mancanza d’umidità.

  10. Aline,
    non ci crederai ma ho maschi molto più piccoli di Peppe che si riproducono. Lui è arrivato alla sua dimensione massima!

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.