TARTITALY… il Blog fotografico di Tartoombria

Sito di allevamento, esperienza, accoglienza e ricerca dedicato alle tartarughe

Testudo graeca terrestris

by Lorenzo - ottobre 31st, 2011.
Filed under: Riproduzione, Tartagiardini & Allevamenti storici, Testudo ibera.

Ecco i piccoli CB di Testudo graeca terrestris che hanno destato tanta curiosità.

Ammetto che con la loro colorazione rosata questi piccoli hanno caratteristiche molto particolari e in un certo qual modo inaspettate.

5 Responses to Testudo graeca terrestris

  1. Di Testudo graeca terrestris, sino ad un paio di anni fa, se ne trovavano in giro in vendita a prezzi tutto sommato abbordabili, e tuttavia i rarissimi piccoli che nascevano assomigliavano a Testudo graeca ibera scolorite. Immaginate la sorpresa di veder nascere piccoli di colore uniforme e dai riflessi rosati. I genitori di queste provengono dalla Giordania e si sono riprodotte quest’anno per la prima volta. Tuttavia solo una femmina ha deposto 7 uova, tutte fertili e schiuse in 64-65 giorni. Spero che il prossimo anno anche altre femmine depongano in quanto voglio far crescere il gruppo. La colorazione così accesa è probabilmente dovuta ad un adattamento verso un substrato aranciato della terra. Il risultato sono piccoli dai colori molto vivaci, probabilmente i più belli e particolari tra tutte le Testudo.

  2. Ammetto di essere rimasta affascinata da questi colori! Ma l’habitat che hanno in Giordania è costituito da terreni argillosi aranciati quindi? è una questione estremamente interessante. Hai escluso quindi che si tratti di una morph come per i gechi o di un ipomelanismo?

  3. Maurizio posso chiederti come mai le maneggi con i guanti? Magari si tratta di un caso o si tratta delle mani dell’operatore che esegue i prelievi per i CITES.

  4. Sono bellissimi questi piccoli e trovo che somigliano molto ai miei piccoli marokkensis, benche i miei siano forse un po meno rosati.

  5. Le sette piccole nate sono tutte uguali, non si tratta di una mutazione ma di un carattere ben definito. L’unica differenza che noto è che alcuni piccoli hanno colori aranciati molto più evidenti. In guanti coprono le mie mani. Avendo molti animali, il rischio di essere un vettore di infezioni ai piccoli è talmente alto che uso dei guanti in nitrile molto resistenti per maneggiare le piccole. Capisci che se mi entra qualcosa in un recinto di baby dove ci sono magari 2-300 piccoli, ci posso fare il segno della croce sopra… Per quanto mi è possibile, cerco di evitare problemi, ed ho notato dei buoni risultati. Ti configlio di fare altrettanto con i tuoi animali e vedrai che caleranno le morti dei piccoli.

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.