TARTITALY… il Blog fotografico di Tartoombria

Sito di allevamento, esperienza, accoglienza e ricerca dedicato alle tartarughe

Ibrido Testudo graeca ibera x Testudo marginata

by tartamau - settembre 20th, 2010.
Filed under: Ibridi & incroci, Riproduzione, Tartagiardini & Allevamenti storici, Testudo ibera, Testudo marginata.

Alcuni anni fa una femmina di Testudo graeca ibera si è accoppiata con un maschio di Testudo marginata caramello. I piccoli hanno una colorazione assolutamente particolare e direi molto attraente. Le dimensioni sono notevoli e questi animali crescono in modo vigoroso senza dimostrare particolari problemi. Quello che ho notato è che anche tra fratelli c’è una certa variabilità di fenotipo, dovuta probabilmente al riassortimento genico dei dei due patrimoni genetici. Di comune tra tutte c’è comunque il piastrone senza alcuna colorazione, mentre vi possono essere esemplari più o meno simili alla madre o al padre.

6 Responses to Ibrido Testudo graeca ibera x Testudo marginata

  1. Somiglia molto ad uno dei miei ibridi presunta T.iberaXT.marginata.
    Cono Lorenzo ci abbiamo riflettuto a lungo e abbiamo ipotizzato che la mia presunta T.ibera sia in realtà un ibrido di graeca sarda per marginata generato accidentalmente in natura. E’ un esemplare cresciuto in natura ed è abbastanza evidente data la perfezione del suo carapace. Il figlio generato da lui e da una T.marginata ha una colorazione molto chiara, come questo nella foro e i disegni del capo ricordano molto quelli di T.graeca della Sardegna.

    Ecco alcune foto:
    http://www.tartoombria.org/rubriche_ibridi.html

    L’esemplare di cui parlo è quello della prima foto. Che ne pensi Maurizio?

  2. Scusate gli errori di battitura della precedente risposta, non riesco a fare una correzione se non riscrivendo tutto. Spero si capisca.

    P.S. Sono rientrata oggi al lavoro e sono piuttosto stanca :)

  3. Le vacanze sono troppo belle per apprezzare i primi giorni di rientro!!!

    Sì Maurizio, è vero, con Vale abbiamo tante volte disquisito sulla possibile ibridazione naturale di alcuni esemplari sardi per la loro promiscuità in molti allevamenti e per la loro condivisione degli habitat in natura.

    In realtà il primo dubbio concreto mi venne proprio quando alcuni anni fa un utente della Sardegna postò delle immagini di ibridi Tg x Tm con i triangoli neri sul piastrone: osservando i genitori si capiva che si trattava di una marginata, e di una graeca, ma quest’ultima probabilmente era un ibrido a sua volta e i triangoli ricomparivano come carattere recessivo solo in alcuni piccoli.

    Poi andando a vedere il piastrone dei giovani ibridi di Vale ci siamo resi conto che con l’età comparivano alcune macchie scure… come saranno tra quarant’anni?

    La questione è complessa soprattutto perché già elementi a nostra disposizione sono veramente pochi, ma la discussione è aperta e sinceramente la trovo molto interessante: sarebbe bello riuscire a ritrovare quel vecchio post e magari contattare l’autore!

  4. Il discorso dei triangoli che ricompaiono è dovuto al riassortimento genico in F2, lo stesso dei fagioli di Mendel. Ovviamente in prima generazione c’è una certa uniformità di caratteri, ma quando questi ultimi si vanno a riprodurre fra di loro o con una delle specie di appartenenza, è chiaro che ricompaiono caratteri dell’una o dell’altra specie. Vista la facilità con cui specie anche molto distanti di rettili creano ibridi vitali e spesso fertili, non è da escludere che tali incroci possano aver portato alla creazione di nuove specie o sottospecie. Nel caso dei miei ibridi dovrò comunque aspettare degli anni per capire cosa succederà in F2, e magari chiarire qualche dubbio. Non sarebbe male ritrovare le foto degli animali di cui parli, Lorenzo.

  5. Io forse le ho ancora in archivio. Controllo sul vecchio PC ed eventualmente apro un post in proposito.

  6. Se non ricordo male era su TP, magari Biby potrebbe ricordare qualcosa!

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.