TARTITALY… il Blog fotografico di Tartoombria

Sito di allevamento, esperienza, accoglienza e ricerca dedicato alle tartarughe

Kinosternon o Sternotherus carinatus (Foto di A. Ceruso)

by Lorenzo - marzo 31st, 2010.
Filed under: Habitat, Kinosternidae.

Si può tranquillamente dire che questa “tartarughina terrestre nana” è capitata propiro in buone mani.

L’utente che ci aveva segnalato il caso dell’articolo “Tartaruga terrestre nana” ??? (Foto di A. Ceruso) ci ha aggiornato sulla tarta inviando anche delle altre immagini e qualche domanda per li allevatori esperti con questa specie:

La tartarughina sta alla grande: mangia e nuota, nuota e mangia…
sceglie solo la parte acquatica, cioè sulla parte emersa non va mai, nonostante la temperatura sia mantenuta anche lì mediante una lampada.
(E nonostante io abbia curato il dislivello in modo che non sia scosceso ma il terreno esca dall’acqua con gradualità)

Yoshi, Marzo 2010 006

E’ normale? Anche in natura questa specie resta sempre sul fondo fluviale?
Non ha un’indole anche a scavare nel terriccio?

Yoshi, Marzo 2010 007

Hai idea di quanto veloce crescano queste specie?
Siccome è molto vorace, infatti, non vorrei favorire eccessivamente il suo accrescimento!

Yoshi, Marzo 2010 008

Direi che dalle immagini si tratta proprio di una tarta sana e fortunata: vederla nell’acqua è sicuramente molto più confortevole del sottovaso verde delle prime foto!

2 Responses to Kinosternon o Sternotherus carinatus (Foto di A. Ceruso)

  1. Sternotherus carinatus è una specie non troppo abile nel nuoto, preferisce acque poco profonde e passa la maggior parte del tempo nel fondo, inoltre è una specie con abitudini maggiormente notturne.
    Quindi è normale che non la vedi sulla zona emersa, ma non è detto che comunque ogni tanto possa anche uscire dall’acqua, è un’ottima arrampicatrice.
    Come substrato invece di quello che vedo in foto sarebbe meglio usare della sabbia oppure della ghiaia fina in modo che possa scavare con più facilità e “interrarsi”.
    E’ una specie di ridotte dimensioni, masismo intorno ai 15cm quindi la sua crescita non dovrebbe essere veloce, per ora che è baby dalle da mangiare una vola al giorno, crescendo puoi anche alimentarla a giorni alterni.

  2. Grazie EDG per il tuo intervento,
    so quanto sei preparato sulle acquatiche e ritengo che una tua consulenza sia molto utile non solo ad allevatori alle prime armi.

    Io ammetto di non conoscere molto bene queste specie: solo recentemente ho preso due neonati di Sternotherus odoratus e li sto scoprendo piano piano.

    Sono in un grande acquario con una delle piccole Trachemys nate a dicembre e con diversi pesci rossi e piante… in effetti non fanno mai basking e si arrampicano nella zona emersa solo quando ci rimane sopra qualche prelibato bocconcino.

    Mi hanno meravigliato le loro doti di nuotatrici: le credevo molto più imbranate, invece, anche se preferiscono decisamente le acque basse, mi da l’impressione che si spaventino molto meno delle Emys di fronte alle grandi profondità: non si lasciano prendere dal panico e battendo velocemente le loro zampette relativamente corte raggiungono lentamente la superficie.

    La cosa più divertente sono gli agguati alle code dei pesci rossi: rimangono nascoste immobili tra le foglie agganciandosi con le zampe di dietro e quando una coda passa a tiro l’afferrano e non la mollano più: si lasciano trasportare dai pesci che però sono molto più grandi di loro e se le scrollano di dosso con due colpi di coda ben assestati.

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.