TARTITALY… il Blog fotografico di Tartoombria

Sito di allevamento, esperienza, accoglienza e ricerca dedicato alle tartarughe

La mia femmina graeca, marokkensis o whitei ?

by Aline - gennaio 10th, 2010.
Filed under: Testudo graeca.

Ecco la femmina che mi pare di somigliare a quella mostrata nei video di questo articolo http://www.tartoombria.org/blog/?p=1195

Ha circa 50 anni e pesa 2 chili

DSC01789BIS

DSC01790bis

DSC01791BIS

DSC01797BIS

DSC01799BIS

DSC02680BIS

DSC01813BIS

DSCN1391

10 Responses to La mia femmina graeca, marokkensis o whitei ?

  1. Grazie Aline, un’altro splendido esemplare del tuo allevamento…

    Aicha resta il pezzo forte, ma il contorno è costitito da una spendida schiera di nordafricane!

    Hai ragione, questa graeca somiglia molto a quella del video e anche come dimensioni credo che con i suoi due chili ci siamo!

    Quanto misura in lunghezza?

    Il papà di quelle uova è sempre Pastis? E i suoi piccoli somigliano a quelli di Aicha?

  2. Complimenti Aline, questo esemplare è troppo bello!!!
    .. ma a differenza della greca del video, questa sembra avere tutti i requisiti per essere considerata una Marokkensis..

  3. Grazie a voi per i complimenti ;-)) questa femmina non soltanto é bella ma di piu molto carina e familiare, le piace mangiare nella mano e viene subito quanto mi vede.

    Misura 25 cm di lunghezza e 20 di larghezza.

    In effetti il papa delle uova e anche Pastis perché é l’unico maschio greca che ho, ma i piccoli non sono gli stessi di quelli di Aïcha, hanno piu machiette sul carapace.
    Se riesco a trovare delle foto ve li mostro.

    Guseppe, non sono affato d’accordo con te sul fatto che abbia tutti i requisiti per essere considerata una marokkensis, per me le marokkensis sono di colore piu verdastro/grigio e hanno una forma piu allungata, invece che lei é piu arrontondata. Ma riguardo alle misurazioni e ai raggi del carapace, corrisponde ai criteri delle marokkensis.

  4. Aimé queste graeca ci faranno impazzire!!!

    Certo che con una misura di 25 cm, questa femmina, fa ben pensare ad una delle graeca graeca “giganti” tipiche dell’Algeria e se come abbiamo detto le whitei sono state geneticamente inserite nella sottospecie Tgg a questo punto sembra ragionevole pensare che si possa trattare di una whitei. Le dimensioni date per le marokkensis mi sembra si aggirino sui 19 cm per le femmine e 15,5 per i maschi.

    A dire il vero anche la macchia bianca così evidente mi sembra una caratteristica tipica di Algerine e Tunisine piuttosto che delle Marocchine che solitamente hanno la cute più scura, mah…

    Non riesco a trovare una descrizione della colorazione tipica delle whitei e pertanto non so se i raggi scuri sul carapace possono essere presenti.

    Devo dire anche che il piastrone così chiaro fa riflettere: non ci sono i classici colpi di forbice neri!

    Anche lei fa il letargo all’aperto come le altre? E a tal proposito una curiosità: le tue marokkensis si interrano come le Thh oppure restano solo nei rifugi ed escono se il tempo lo consente?

  5. Ho trovato questi due link molto interessanti sulle Tg marokkensis:

    Khalid BEN KADDOUR1, El Hassan EL MOUDEN1, Tahar SLIMANI1, Frédéric LAGARDE2,3 & Xavier BONNET2 – DIMORPHISME SEXUEL ET CINÉTIQUE DE CROISSANCE ET DE MATURATION CHEZ TESTUDO G. GRAECA, DANS LES JBILETS CENTRALES, MAROC

    Khalid BEN KADDOUR – ECOLOGIE ET TRAITS D’HISTOIRE DE VIE DE LA TORTUE MAURESQUE (Testudo graeca graeca L., 1758) DANS UNMAURESQUE (Testudo graeca graeca L., 1758) DANS UN ENVIRONNEMENT ARIDE ET SURPATURE AU MAROC OCCIDENTAL : IMPLICATIONS EN TERME DE CONSERVATION

    Non so se ci aiuteranno a capire, ma varrà la pena darci un’occhiata!

  6. Sei una fonte inesauribile d’informazioni Lorenzo ! non so come fai a trovare tutto questo ! in ogni modo grazie a te, vado a vedere con interesse questi link perché tutto quello che riguarda le testudo graeca m’interessa molto, questa tartarughe essendo un po le mie preferite ad onta delle difficolta di allevarle.

  7. Per rispondere al tuo commento piu alto, anch’io non ho veramente mai trovato una descrizione della whitei, ma soltanto pare che sia piu grossa delle altre graeca. Pare anche che i raggi siano presenti, infatti sarebbe molto vicina alla marokkensis.
    In ogni modo, penso anche che Caroline potrebbe essere una whitei piuttosto che una marokkensis.
    Come dici il piastrone cosi chiaro non é quello di una graeca graeca con il colpi di forbici, ne quello di una marokkensis sempre piu scuro.

    Tutte le mie graeca fanno il letargo fuori nei rifugi, ma no si interrano come le hermanni e cio mi da degli affanni quando, come in questi giorni, le temperature scendono sotto zero. Per esempio questa mattina faceva – 6° e ho deciso di rientrare Caroline provisoriamente in una cassa con terra e paglia nella rimessa non riscaldata, perché il suo rifugio si trova in una posto molto freddo e ho avuto paura che geli. Non appena questo periodo di grande freddo sarà passato la rimettero nel suo rifugio senza svegliarla.
    Per le altre ho aggiunto molta paglia e protezioni diverse sui rifugi ma devo dire che mi preme che questo freddo se ne vada.

    (scusate se faccio molti errori d’italiano ;-))

  8. Anche io ho una femmina come la femmina di Aline. E ho anche havuto dei maschi di chi ho conservato il carapace. Qui in Olanda abiamo fatto una ricercha geneticha su le graeca nord-africane.
    Io direi che la femmina di Aline e un tipica marokkensis. (haplotypo 4.2)
    Anche se e abastansa grande.
    Lo status di whitei e comuncue molto insicura.
    cerchero delle foto dei miei animali.
    Io li tengo svegli d’inverno in terrario. Pero oviamante a temperature ridotte.
    Scusa per i errori ma il mio Italiano non e perfetto.

  9. Grazie Aline,
    sei troppo buona!

    Entrambi parlate italiano in modo eccellente!

    In merito al letargo posso dire che in natura ho visto le graeca sarde interrarsi in estate sotto la sabbia, ma non so dire se facciano lo stesso in inverno per ripararsi dalle temperature fredde.

    Per quanto riguarda il DNA delle whitei anche l’ultimo studio genetico le ha fatte rientrare nella sottospecie Tgg e gli studi alla base della descrizione iniziale sono stati più volte confutati.

    Le uniche cose che continuano a lasciarmi stupito sono la colorazione del piastrone e la livrea dei piccoli!!!

    Attendiamo le tue immagini Laurens… ed hai dei riferimenti bibliografici in merito ai vostri studi sul DNA delle graeca?

  10. Anche io sono curiosa di vedere delle foto delle tue greaca Laurens e anche se hai documenti delle ricerche genetiche sulle graeca nord-africane. Ci sono certamente ancora tanti tassoni di graeca che non sono ancora determinati e quelli che sono determinati non lo sono sempre sicuramente. Le graeca sono una specie sempre misteriosa nelle sua grande diversità.

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.