TARTITALY… il Blog fotografico di Tartoombria

Sito di allevamento, esperienza, accoglienza e ricerca dedicato alle tartarughe

CITES – Inserimento Microchip

by Lorenzo - gennaio 10th, 2010.
Filed under: Legislazione, Patologie, Tartagiardini & Allevamenti storici, Tecnica.

Tutti gli esemplari del Genere Testudo sono inseriti nell’allegato A della Convenzione di Washington Legge 150 del 7 febbraio 1992 modificata con legge 59 del 13 febbraio 1993 e per tutti gli esemplari delle specie incluse in questo allegato è obbligatorio il marcaggio eseguito secondo le modalità previste dai protocolli internazionali (art. 5 comma 5).

Attualmente per le Testudo l’unico metodo di marcaggio ufficialmente riconosciuto è quello fotografico fino al 5° anno (Scheda Identificativa Fotografica del Genere Testudo) e successivamente quello con il microchip.

Per quanto riguarda l’applicazione del microchip, essendo un atto medico, deve essere effettuata dai veterinari pubblici competenti per territorio o da veterinari libero professionisti abilitati utilizzando radiosegnalatori a microcircuito non modificabili, numerati individualmente e conformi alle norme ISO 11784: 1996 (E) e 11785: 1996 (E), come chiarito dal Ministero dell’Ambiente ai nostri amici di Tarta Etruria Risposta dal Ministero dell’ Ambiente: istruzioni per inserimento microchips).
microchip_testudo1
microchip_testudo2
Si associa il codice all’animale.
microchip_testudo3
Dopo aver disinfettato il punto di inserimento si inserisce lentamente l’ago agganciando una delle pieghe della cute.
microchip_testudo4
microchip_testudo5
Si spinge a fondo l’ago.
microchip_testudo6
microchip_testudo7
microchip_testudo8
Si inietta il microchip estraendo l’ago.
microchip_testudo10
Si disinfetta.
microchip_testudo11
microchip_testudo12
Concludendo va detto che:
  • per quanto riguarda la regione di inserimento del microchip vengono indicate diverse posizioni (zampa post sx, zampa ant dx, base della coda… per via sottocutanea o intramuscolare), il riferimento per tutti dovrebbero essere i protocolli internazionali di standardizzazione in materia di identificazione tramite microchip, ma il veterinario saprà come comportarsi;
  • il momento migliore per effettuare l’inserimento del microchip è il mattino presto perché le basse temperature fungono da naturale anestetico e le tartarughe a volte non sembrano neanche accorgersi della pratica;
  • il microchip non va inserito troppo a ridosso del periodo del letargo per evitare che l’abbassamento naturale delle difese immunitarie interferisca con eventuali complicazioni post. intervento.

Link consigliati:

L’Identification électronique des Tortues
Microchip Identification – World Small Animal Veterinary Association
Tortues-Terrestres.forumactif.com – Photo du puçage de mes HH


Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.