TARTITALY… il Blog fotografico di Tartoombria

Sito di allevamento, esperienza, accoglienza e ricerca dedicato alle tartarughe

Testudo graeca cyrenaica – Libia 2 (Foto di C. Leone)

by Lorenzo - gennaio 3rd, 2010.
Filed under: Identificazioni, Libia, Tartagiardini & Allevamenti storici, Tecnica, Testudo graeca.

Thanks to Chris Leone (“Chris Leone/Gardenstatetortoise.com”), who authorized us to use his pics we may have a clear idea of Libyan greek Testudo graeca cyrenaica.

Diffusa sulla costa orientale della Libia, questa popolazione venne inizialmente inclusa nella sottospecie T.g. terrestris di ceppo eurasiatico (Wermuth & Mertens, 1961).

Successivi studi, compresa la recente indagine genetica sulle popolazioni delle Testudo graeca presenti nel mediterraneo occidentale, includono questa popolazione nel ceppo nordafricano.

Come per tutte le graeca l’identificazione non è sempre agevole, infatti alcuni esemplari questa sottospecie potrebbero essere facilmente confusi con Testudo graeca marokkensis, rispetto alla quale ha meno raggiature.

Molto caratteristica è la livrea maculata con forte contrasto giallo-nero evidente anche nei piccoli: quelli di Tg marokkensis che ci è dato vedere qui I piccoli marokkensis, figli di Aïcha e Pastis sono di colore quasi uniforme.

Le esigenze biologiche di questa specie la rendono molto più delicata di quanto non sia Tg marokkensis e il suo allevamento richiede il transito in terrario nei mesi invernali: per questo è tra le specie che sconsigliamo di allevare ai nostri climi, ma se qualcuno ha esperienza diretta di allevamento saremo felici di apprendere.

Immagine 1

Immagine 3

Immagine 4

Immagine 5

Immagine 6

Immagine 7

Immagine 8

Immagine 9

Immagine 10

Immagine 11

Immagine 12

Immagine 13

Immagine 14

Immagine 15

Mitochondrial phylogeography of Testudo graeca in the Western Mediterranean: Old complex divergence in North Africa and recent arrival in Europe – Uwe Fritz,*, D. James Harris, Soumia Fahd, Rachid Rouag, Eva Graciá Martínez, Andrés Giménez Casalduero, Pavel Široký, Mohsen Kalboussi, Tarek B. Jdeidi, Anna K. Hundsdörfer 

5 Responses to Testudo graeca cyrenaica – Libia 2 (Foto di C. Leone)

  1. bellissime!!!
    non avevo mai visto dei piccoli di cyrenaica…
    a questa età, con questi colori è facile distinguerli dalle marokkensis
    ma quello delle quinta foto è un esemplare che può trarre in inganno..
    … se non sapessi che è una cyrenaica avrei pensato che si tratta di un marokkensis… in casi analoghi, quali sono le altre differenze da tenere in considerazione per non fare confusione? È una mia impressione, o le marokkensis hanno un carapace più piatto rispetto alle cyrenaiche, che invece sembrano avere un carapace più bombato ?

  2. Anch’io avrei commesso lo stesso errore di Giuseppe. Ma come mai le piccole sono così “pulite”? Sembra quasi vengano allevate in un ambiente rpivo di terra e polvere.

  3. Come ho già ammesso in precedenza non so molto su questa specie: sto cercando ulteriori informazioni sulla descrizione della specie!

    Hao ragione, Giuseppe, vedendo questi esemplari a confronto con le Tg marokkensis di Aline, l’altezza del carapace sembra più a cupola nelle Tg cyrenaica; inoltre queste ultime mi sembra manchino della svasatura posteriore che dovrebbe essere tipica delle Tg marokkensis appunto… poi, ma non so se è solo la mia impressione, questi esemplari mi sembra abbiano una cute più chiara, ma forse dipende da quella sensazione di pulito che danno.

    Vale credo che questi esemplari vivano quasi tutto l’anno nei terrari delle prime foto e quel contenitore nella seconda foto dovrebbe essere la loro “collinetta di deposizione”… questa la principale ragione per cui mi sento di sconsigliare l’allevamento di questa specie nel nostro bel paese quando ce ne sono molte altre che potrebbero benissimo godere dei nostri climi senza tanti sacrifici!

  4. Bellissime queste tartarughe !!! con il loro carapace chiaro macchiettato di nero, peccato che siano difficili da allevare per piacerebbe molto averne !
    Secondo me no si puo fare confusione tra loro e le marokkensis, perché il carapace delle marokkensis ha dei colori piu fusi e meno contrastati, e piu scuri, e anche come l’avete notate il loro carapace é piu bombato, mentre quelle delle marokkensis é allungato. Anche la cute, come lo dici Lorenzo é piu scura di quella delle marokkensis e non hanno la svasatura posteriore tipica delle marokkensis.
    In ogni modo queste tartarughe sono bellissime e anche i piccoli hanno colori molto vivi e luminosi, ma é forse perché vivono in terrario, povereti !

  5. Spettacolari.
    Per caso qualcuno sa chi le alleva in Italia?

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.